Sbattezzo 4

Finalmente, dopo lunga attesa, è arrivata l’agognata comunicazione dalla Curia Vescovile della mia città…certo, sono responsabile dei ritardi nell’evasione della pratica a causa della mia approssimazione nell’invio della raccomandata con la richiesta di cancellazione…come accennavo in “Sbattezzo 3“, infatti, ho sbagliato parrocchia…ma la solerzia e la professionalità degli operatori diocesani è riuscita ad individuare la giusta chiesa, ove il mio pedobattesimo venne consumato, ed ora l’atto è compiuto.

Riporto di seguito il punto cruciale della missiva ricevuta:

“Considerando l’esito negativo del precedente contatto a cui non è stato dato riscontro (qui ci si riferisce al fatto che nei quindici giorni di tempo lasciatimi per meditare sul gesto che stavo compiendo, non vi è stato da parte mia alcun ripensamento), visto l’art. 2 § 7 del decreto della Conferenza Episcopale Italiana recante Disposizioni per la tutela del diritto alla buona fama e alla riservatezza, del 30 Ottobre 1999, le confermo di avere dato in data odierna disposizione al Parroco della parrocchia di … di apporre sul Libro dei battezzati, l’annotazione da lei richiesta concernente la volontà di non essere più considerato aderente alla Chiesa cattolica

Mi si ribadiscono le conseguenze di ordine “giuridico”…si sottolinea il rammarico per la mia decisione, ma sopratutto mi si manifesta per l’ennesima volta, attraverso formula evidentemente standard (qui troverete conferma in altro documento scovato nella rete), “fiducia nel cammino di ricerca, che ci accomuna”…e cordialmente mi si saluta.

Ghigno di soddisfazione, sospiro di sollievo, senso di leggerezza e…beh, sì…il solito fastidio per quella frase ribadita quasi meccanicamente sulla favola del cammino di ricerca che ci accomuna…ma, dopo averla udita e letta più volte, in effetti più che irritarmi mi fa sorridere…un sorriso un pò triste ed un pò compassionevole…che ci posso fare se questi individui ritengono di essere in cerca di qualcosa, quando in realtà ciò che fanno è incatenare la ragione e l’intelletto ad un mastodontico macigno fatto di preconcetti, dogmi e assurdità? Proverò, per quanto mi è possibile, ad evidenziare le sostanziali differenze che ci separano, ma per il momento mi godo la mia apostasia e relativa scomunica latae sententiae.

Annunci