Antiberlusconismo S.p.A.

Allora non mi ero sbagliato…è proprio vero, avevo sentito bene…l’Antiberlusconismo è nuovamente vocabolo usato ed abusato…una moda che ritorna in auge con energia rinnovata e rinato furore…anche oggi l’ho sentito pronunciare dozzine di volte da parte di giornalisti, politici, opinionisti vari.

Ho ascoltato il discorso di Di Pietro alla Camera…certo, l’eloquio era il solito, un pò rude e non elegante o forbito di chi si è fatto da se…di un uomo che, come ebbe modo di decantare l’onorevole Paolo Guzzanti, fu (e ci auguriamo ancora sia) “macchina imbattibile contenuta in un corpo di forte contadino italico”…ma i temi riferiti all’assemblea erano i soliti e solidi che insozzano i trascorsi del nuovo Presidente del Consiglio in carica. Egli ha semplicemente sottolineato fatti inoppugnabili, che anche solamente presi in piccole porzioni sarebbero sufficienti a delegittimare chiunque, precludendogli la possibilità persino di fare l’usciere in un qualsivoglia ente pubblico. Perchè il problema con Berlusconi (non mi stancherò, forse, mai di dirlo) è che vengono a mancare completamente i presupposti stessi per poterlo considerare una controparte plausibile nella conquista di una qualsivoglia carica istituzionale. Facciamo un esempietto semplice per chiarire meglio la posizione? Bene, sarebbe come ammettere a gareggiare per il Giro d’Italia un corridore in sella ad una Ducati. Non si può fare…non è lecito…come dicevo, mancano i presupposti anche solo per prendere in considerazione l’iscrizione.

Questa però è ormai preistoria…già mi sono espresso in merito e non resta che prendere atto di quanto la politica tutta abbia spazzato via ogni riserva sul personaggio, compiendo una commovente operazione di riverginamento dell’immagine del Cavaliere e rendendolo a tutti gli effetti l’uomo più potente dell’intero stivale (o almeno, diciamo, il più potente fra quelli che si fanno baciare dalla luce del sole).

Tornando alle affermazioni di Tonino Di Pietro. Quali pensate siano sate le reazioni dentro e fuori l’aula del Parlamento? Facile immaginare con che fragore l’Antiberlusconismo abbia riempito l’etere…da tutte le parti si è levata la somma condanna…la scomunica indelebile e pestilenziale, addensatasi sopra il capo del leader IdV come cupa nube tempestosa.

Da parte mia, sono convinto che se Silvio Berlusconi avesse chiesto i diritti d’autore per l’utilizzo del termine “Antiberlusconismo” ad oggi avrebbe di sicuro raddoppiato i suoi già ingenti capitali.

Ah, dimenticavo…l’opposizione? Beh, con il diagramma che segue spero risulti chiaro quale sia il mio pensiero su cosa essa sia diventata e su come credo abbia deciso di porsi nei confronti del nano magnanimo e del suo Governo (perchè non si lasci spazio ad equivoci, quello nell’immagine con la testa tonda e pelata è Silvio):

Annunci

Una Risposta to “Antiberlusconismo S.p.A.”

  1. Roland Says:

    Fin quando ci sarà Berlusconi ci sarà il berlusconismo, e di conseguenza, fatalmente e inevitabilmente, l’antiberlusconismo. I fatti rassunti da Di Pietro – suvvia: lo sappiamo bene – sono veri, ma chi li ripete diventa un folcloristico Don Chisciotte che attacca i molini a vento. Poiché Berluscono è diventato inattacabile… come un molino a vento. Un molino a vento che imperturbabilmente continua a girare…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: