Blog censurato: aggiornamenti

Pare che la responsabilità dell’immane casino nato attorno all’articolo satirico del blogger JP sia da far risalire al famigerato elargitore di puttanate, juke box della cazzata, distributore di flatulenze noto come “Dagospia”. Sembra infatti che dopo aver abboccato, senza le necessarie verifiche del caso, al contenuto del post incriminato ed averlo amplificato a dismisura, creando così un caso dal nulla, intuito il madornale errore, investito in pieno dal colossale abbaglio, abbia repentinamente tentato di scaricare lo scaricabile sull’autore, intervenuto tempestivamente e con correttezza comunicando a Dagospia che l’opera fraintesa altro non era se non prodotto dell’immaginazione, parto della fantasia.

Restano però due importanti fatti da non trascurare:

1) non è ancora ben noto al sottoscritto se i legali al soldo del trafficone truffaldino siano in agitazione oppure abbiano preso nuovamente posto nelle rispettive cucce;

2) il sito del blogger effettivamente ha subito un oscuramento “preventivo” che non può in nessun modo essere spiegato né tollerato.

Per il momento non andrò oltre, in attesa di ulteriori aggiornamenti. Invito però chi desiderasse approfondire la questione a riferirsi all’ottimo MenteCritica ed in particolare a questo post “chiarificatore” .

Berlusconi ha ragione: sta tornando il fascismo

Breve pausa lavorativa…fumata una rapida sigaretta, mi connetto a MenteCritica, cosa che faccio abbastanza frequentemente quando desidero leggermi qualche bel post…ma, sorpresa, cosa appare al posto della famigliare homepage del sito?

Mentecritica è temporaneamente Off line per manifestare attivamente la sua solidarietà a JP, uno dei nostri ragazzi più in gamba. La vicenda di cui è vittima è spiegata da questo articolo del corriere, il suo sito è stato oscurato.

Se non è più nemmeno possibile dire certe cose, anche scrivendo a chiare lettere che si tratta di opere di fantasia, allora il pericolo del fascismo non c’è più. C’è solo il fascismo.

Iscrivetevi ai nostri feed per riceve aggiornamenti appena il sito ridiventerà attivo.

La libertà è di tutti, non solo di uno.

Ora è in dubbio anche questo.

A rileggerci quando la rabbia sarà sbollita e avremo qualcosa di intelligente da dire.

Per comunicazioni e messaggi di solidarietà scrivere qui. Grazie

Leggendo, un brivido corre lungo la schiena…seguendo i link proposti inorridisco. Un blogger censurato per aver pubblicato un pezzo, che lo stesso autore dichiara frutto della propria immaginazione, una cosa inventata, pura fantasia, riguardante l’intercettazione di una fantomatica telefonata fra Silvio Berlusconi e Fedele Confalonieri. La corazzata dei legali di Silvio si sarebbe già mossa per “esperite tutte le azioni giudiziarie del caso, diffidando chiunque nel contempo a pubblicarlo o a riprenderne anche parzialmente il contenuto”. Non ci posso credere…la rabbia cresce. Evidentemente Berlusconi, quando parla di ritorno al fascismo, ha idee e progetti molto chiari. Cosa fare per contrastare un tale atto da regime totalitario?

Proporrei a tutti i blogger incazzati di pubblicare il post incriminato…attendo pareri in proposito…e spero MenteCritica torni online per protestare, assieme all’intera comunità dei blogger, in altro modo il totale dissenso che ci accomuna.

Che razza di tempo che fa!!

Fazio, lo devo proprio dire, è un personaggio stucchevole e a tratti nauseabondo…da tempo ormai non riesco più a sintonizzarmi sulla sua trasmissione buonista, cucciolosa e rigorosamente “politically correct”…nemmeno le frecciatine al “pepe e cannella” della Litizzetto ce la fanno più a risollevarla…anzi, il duetto fra i due, trasformatosi in una sceneggiata “diavolino contro angioletto”, mi è divenuto piuttosto insopportabile.

Oggi a pranzo un amico mi ha detto “Cazzo, è arrivata la raccomandata…devo pagare il canone!!”…sentito ciò ed avendo letto dell’episodio avvenuto dal caro Fazio, dove le prevedibile affermazioni di un sempre ottimo Travaglio hanno sortito le ben note reazioni indignate dei vertici RAI e fra i politici tutti (visto che solamente il buon Di Pietro, di certo non è esente da idiozie, ha difeso il giornalista), ho pensato: “essere costretti a pagare per avere un servizio del genere è una colossale e intollerabile presa per il culo!!”.

Dall’accaduto si può concludere solamente che il servilismo della RAI nei confronti del potere e dei potenti è totale e si manifesta senza più ritegno alcuno non appena essi la richiamino all’ordine strattonando il corto guinzaglio a cui l’hanno assicurata. Un’ulteriore goccia nel vasto oceano di schifezze che da tempo immemore siamo costretti a sorbirci…mondezza che sempre più mi fa vergognare di essere italiano…qual’è la spazzatura che più ci dovrebbe preoccupare? Quella di Napoli, della quale poco o niente ci viene riferito dai pregevoli mezzi d’informazione (stamattina in uno scorcio di radiogiornale ho appreso che al supercommissario De Gennaro restano la bellezza di 14 giorni per realizzare il suo piano…ergo, abbiamo già capito come finirà!!) oppure quella accatastata nelle aule del Parlamento, negli uffici governativi, in quelli della RAI e via dicendo? Personalmente sono nauseato da questo piccolo paese triste, ottuso, miserabile e retrogrado e sento sempre più vicino il limite…il punto di rottura, oltre il quale tuonerà maestoso il mio sonoro “Andatevene tutti quanti a farvi fottere!! ” (perdonate il francesismo).

Piccole annotazioni di fondo:

1) invitare ad un mese dalle elezioni Travaglio, quando ormai i giochi sono fatti (ci sono i presidenti di Camera e Senato, c’è il Governo con il suo illustre Presidente e circondato dai bei ministri devoti), per parlare di un libro uscito più di due mesi fa, ben sapendo di cosa esso parli e di quale sarebbe stato l’esito dell’intervista, mi sembra come minimo da idioti!! Essendo però di mio un pochino “complottista”, mi viene quasi quasi da pensare che forse la cosa è stata progettata a tavolino…magari per dare qualche spallata qua e là;

2) il libro, e relativo contenuto, sono, come abbiamo detto, a disposizione di tutti da oltre due mesi…come mai lo scandalo è scoppiato unicamente quando l’autore ne ha ribadito i concetti in TV? Forse perchè si rischia di inorridire la povera casalinga di Voghera, che magari si insospettisce e ci fa su una pensata? Oppure perchè lassù nelle stanze del potere sono convinti (come probabilmente è) che in Italia si legga poco (figuriamoci quindi i faziosi libri di Travaglio!!) ma di TV se ne mangi ancora tanta?