Posto fesso…

Cari precari, ascoltate le sagge parole del santo padre…

Cercate dio, che è sommo imprenditore…

Nell’aldilà assume sempre ed a tempo indeterminato…

BlowJob24 – Terziario Avariato

Frequentemente mi capita di ascoltare Radio 24, l’emittente radiofonica de Il Sole 24 Ore, ed apprezzarne la professionalità, la freschezza e la varietà degli argomenti trattati. Vorrei pescare fra tutto questo ben di dio un piccolo gioiello dal titolo inequivocabile, Job 24, condotto dalla bravissima Roberta Pellegatta…trasmissione dall’indubbia utilità poichè, come si può leggere direttamente nel sito, si tratta di “un programma dedicato a chi cerca un nuovo lavoro, vuole cambiarlo e a chi desidera, su questo tema, risposte da parte degli esperti” che si pone come vetrina sul mondo lavorativo italiano ed internazionale spaziando “dalle professioni più richieste, alle più curiose e affascinanti, con un’ attenzione particolare alle possibilità occupazionali di donne e giovani” e tutto questo al ritmo del noto motivetto disneyano canticchiato dagli adorabili sette nani.

Ciò che segue è una lista molto ridotta di opportunità lavorative, selezionate fra le innumerevoli proposte divulgate nel corso della trasmissione e comodamente recuperabili dal suo archivio:

1. Cuoco a domicilio – se vi piace cucinare, allora questo potrebbe essere il lavoro che fa per voi. L’attività in oggetto da alcuni anni ha iniziato a prendere piede ance in Italia e si rivolge ad un target di clientela dalle indubbie possibilità economiche. Essa si svolge direttamente nella dimora o nel natante del cliente dove lo chef, rilevati i gusti e le preferenze, si occupa di cucinare e servire ricchi pranzi e cene al padrone di casa ed agli eventuali commensali;

2. Operatore nei parchi divertimento – vi piace il contatto con il pubblico ed in particolare con i bambini? Allora state attenti alle possibilità occupazionali offerte dai vari parchi di divertimento dislocati per il paese. Si cercano sosia, animatori, manovali e figuranti per ravvivare e rallegrare le folle di visitatori o semplicemente svolgere le molte attività all’interno del parco;

3. Maggiordomo d’azienda – si tratta dell’indispensabile supporto che l’azienda può offrire al proprio personale dipendente al fine di sostenerlo nello svolgimento di tutta una serie di incombenze pratiche quotidiane, come l’andare in posta, ritirare documenti, certificati, analisi mediche e via discorrendo. Una persona che fosse interessata ad accostarsi a questa attività deve essere estroversa, avere grandi capacità relazionali e di problem solving, quindi grande senso pratico;

4. Etiquette coach – viaggiate molto sia per lavoro che per piacere e siete terrorizzati all’idea di commettere una gaffe o di sentirvi fuori luogo ed inappropriati? Ottimo, perchè da qualche tempo si è affacciato nella galassia dei servizi alla persona l’esperto di etichetta, il quale fornisce indispensabili ragguagli su usi e costumi dei vari paesi nei quali si può avere la necessità o il desiderio di andare. Negli Stati Uniti d’America, dove questa professione è già piuttosto affermata, i corsi offerti sono molti e parecchio differenziati, come ad esempio la “Kids Etiquette”, rivolto ai bambini, oppure la “Yacht Etiquette”, per chi ama spendere il proprio tempo su panfili a zonzo per i mari;

5. Croupier – occupazione dall’ampio respiro internazionale ed in forte espansione. Amate il gioco d’azzardo e vi inebria il movimento di grandi quantità di denaro? Diventate gestori di tavolo da gioco, sia a terra nei casinò sparsi per il globo che su lussuose navi da crociera, e sollazzate i clienti spolpandoli con maestria e cordialità;

6. Consulente di viaggio – nuova figura nel settore del turismo che offre i propri servigi a chi non ha grosse disponibilità di tempo. Le agenzie di viaggio sono ormai obsolete ed internet non sempre risponde a tutte le esigenze dell’utenza, quindi perchè non andare direttamente a casa delle persone per consigliarle sulle loro vacanze? Principale difficoltà per chi intende intraprendere questa professione sarà il riuscire ad incastrarsi fra venditori di cosmetici, consulenti multi-utility, testimoni di Geova e gli altri numerosissimi individui che assediano quotidianamente le case degli italiani;

7. Dog sitter – per chi ama gli animali ed in particolare i cani, questo è sicuramente un ruolo che può combinare la vostra passione a sicure soddisfazioni finanziarie. Avrete la responsabilità di curare i migliori amici di coloro non hanno la possibilità di seguirli quanto vorrebbero. Coccolare i canidi, nutrirli e farli divertire, inventando mille giochi per far loro trascorrere felici giornate nei giardinetti;

8. Personal shopper – professione ideale per chi ha la passione dello shopping ed uno spiccato senso della moda, oltre che gusti ovviamente raffinati. Vi rivolgerete a persone abbienti che necessitano consulenza per svolgere i propri acquisti, consigliandoli su abbigliamento, arredamento e regali;

9. Team builder – siete nati per essere al centro dell’attenzione e adorate i giochi di gruppo? Ecco qui un’imperdibile occasione lavorativa. Attività varie anche all’aperto mirate a creare o compattare team di lavoro. Il risultato sarà aumentare la collaborazione ed il livello di fiducia, quindi creare una squadra laddove vi sono singoli individui;

10. Wedding coach – dopo il wedding planner, che vi organizza il matrimonio, ecco il professionista che si occuperà di seguire gli sposi durante tutto il periodo di preparazione al grande giorno. Niente più ansia, niente più angosce né dubbi, perchè ora c’è colui che vi prenderà per mano e vi allenerà alla vita di coppia, spazzerà ogni insicurezza e vi accompagnerà all’altare tonici e determinati.

Roberta Pellegatta non me ne voglia, perchè sono consapevole del fatto che dopo aver parlato dei 15/20 lavori seri occorreva trovare materiale per mandare avanti la trasmissione, cosa che, ribadisco, le riesce egregiamente. Se però dobbiamo leggere il programma come uno specchio della situazione in cui versa il mondo occupazionale italiano, non possiamo che preoccuparci seriamente. A quando una puntata su fluffer, lap dancer ed escort?

Ultimissime dall’Italia all’arrovescia

La Umbria Olii, dove il 25 Novembre del 2006 persero la vita quattro operai a causa di un devastante incendio, ha deciso di passare al contrattacco chiedendo un risarcimento di 35 milioni di euro alle famiglie delle vittime ed all’unico superstite dell’incidente.

La confindustria, presa in contropiede, mantiene equidistanza e non si sbilancia…voci non confermate sosterrebbero però che la presidentessa Emma Marcegaglia, venuta a conoscenza dell’episodio, abbia avuto una sorta di fremito incontrollabile e confidato ad uno dei suoi collaboratori che “questo precedente potrebbe aprire una nuova strada per apportare sostanziali modifiche alle leggi sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. Come dice un vecchio proverbio, infatti, chi rompe paga ed i cocci sono suoi. Il rischio di dover rifondere cospicue somme di denaro potrebbe avere enorme successo come deterrente per tutti quegli operai svogliati e distratti che mettono ogni giorno a repentaglio fabbriche, stabilimenti e costosi macchinari”.

Il mondo imprenditoriale si è detto commosso per tanto ardire e convinto che fosse giunto il momento di uscire allo scoperto per far valere i diritti di una categoria vituperata e continuamente sotto attacco e perseguitata da magistratura (bolscevica), sindacati (bolscevichi) e opinione pubblica (manipolata dai bolscevichi).

La Fondazione “Pietro Pacciani” ha espresso tutta la sua solidarietà all’amministratore delegato dell’oleificio, sottolineando come spesso le vere vittime di questo sistema ingiusto siano proprio i carnefici, posizione condivisa anche da Annamaria Franzoni, la quale ha voluto far giungere il proprio sostegno tramite un breve comunicato trasmesso ad opera del marito.

Erich Priebke ha subito mostrato la sua vicinanza alle posizioni di Del Papa, proprietario della ditta ed unico imputato nei processi in corso, ed ha immediatamente contattato il suo legale esprimendo l’intenzione di ricorrere in giudizio nei confronti dei parenti di coloro che “persero accitentalmente vita qvel triste ciorno là in Fozze Arteatine”…un passante ha poi riferito di aver inteso parte della conversazione fra l’ex capitano nazista ed il proprio avvocato nella quale, sembra gongolando e con sguardo improvvisamente acceso da una luce sinistra, il gerarca avrebbe domandato “35 milioni per qvattro cataferi…chissà cosa posso chietere io per 335?”.

Nicola Sapone, carismatico leader delle “Belve di Satana”, ricevuta la notizia, ha festeggiato brindando con un ricco calice del proprio sangue, svenendo un istante dopo aver rilasciato una dichiarazione ai giornalisti accorsi in un linguaggio incomprensibile, molto probabilmente satanico.