Posto fesso…

Cari precari, ascoltate le sagge parole del santo padre…

Cercate dio, che è sommo imprenditore…

Nell’aldilà assume sempre ed a tempo indeterminato…

Un silenzio vergognoso

Molto probabilmente risulterà superfluo dirvi come la penso sulle recenti parole di papa Benedetto XVI su AIDS e preservativi…semplicemente giudico quanto detto e sostenuto il perpetuarsi, da parte del Vaticano, di posizioni anacronistiche, con evidenti risvolti d’irresponsabile e criminosa incoscienza.

Ciò che però mi ferisce ed umilia è la totale assenza di reazioni dalle istituzioni di questo paese. Atteggiamento che manifesta ancora una volta la sudditanza psicologica ed interessata di coloro che ci governano e ci rappresentano, rendendoli complici di questo inaccettabile attacco alla ragione, alla vita ed alla salute di milioni di esseri umani.

Scagliarsi contro l’utilità dei profilattici come protezione contro il contagio, metterne in dubbio l’efficacia o arrivare addirittura ad asserire che essi costituiscano un pericolo è una forma di disconoscimento della realtà che tanto si avvicina al peggior negazionismo di stampo neofascista.

Ogni persona sana di mente si rende conto di come il preservativo da solo non possa essere considerato la soluzione ad un flagello di tali dimensioni…soluzione inevitabilmente assai più articolata e complessa e ad oggi non ancora disponibile…ma indubitabilmente esso costituisce un elemento indispensabile di prevenzione.

Ministro Sacconi, che in virtù del dicastero che presiede più di tutti avrebbe dovuto mostrare sensibilità e sollecitudine nei confronti delle dannose e pericolosissime affermazioni del pontefice, potrebbe gentilmente farci sapere dove si è nascosto? Il suo silenzio è, fra i tanti e assai riprovevoli, certamente il più vergognoso.

Vorrei poi chiedere a papa Ratzinger, per il nostro bene, in futuro di infilare la testa in un robusto condom prima di iniziare con i suoi farneticanti sproloqui.

Medici: ribellatevi al dogma

Non potendo esimermi dal commentare l’ennesima ingerenza vaticana ed al contempo non volendo correre il rischio di risultare banale, cosa estremamente probabile visto l’argomento, cercherò di essere simultaneamente sintetico ed esaustivo.

La medicina è una scienza umana sviluppata dall’uomo per l’uomo. Per divenire il magnifico strumento che è ha seguito un lungo e tortuoso cammino denso di difficoltà ed ostacoli, puntualmente osteggiata proprio dai precursori di quel papa Ratzinger che oggi ne abusa così vilmente, arrogandosi il diritto di poterle imporre un’etica ad essa aliena.

In un ipotetico mondo ove mente e volontà dell’uomo non avessero trovato la forza e la determinazione per imporre il proprio pensiero e le proprie idee, dominato da una teocrazia assoluta…in una società quindi controllata dal dogma cattolico, questa nobile disciplina non esisterebbe o quanto meno non sarebbe quella che oggi conosciamo. Quasi certamente in luogo dei medici troveremmo santoni ed esorcisti, inutili quanto ridicoli.

In quel luogo e tempo assurdi, Eluana sarebbe certamente deceduta. Mai e poi mai avrebbe potuto sopravvivere, se di vita possiamo parlare, per 16 lunghi anni ed il sopraggiungere inevitabile della morte sarebbe stato per cause naturali. La medicina ha fatto quanto ha potuto…ad essa ed a coloro che ne hanno il diritto spetta decidere, seguendo la propria etica e la propria morale, cosa sia meglio fare e quale sia il miglior modo di procedere…indipendentemente dagli assalti indegni di una chiesa arrogante.

Concludo quindi ribadendo la mia più totale condanna verso la Chiesa Cattolica Apostolica Romana, verso le sue continue aggressioni nei confronti del nostro diritto di autodeterminazione, verso tutti coloro che ne appoggiano l’operato e la politica invadente, manifestando la mia più totale solidarietà al padre di Eluana ed alla sua famiglia, che fra le mille difficoltà e sofferenze indubbiamente incontrate s’è trovato a dover combattere anche contro il pregiudizio, l’ignoranza e l’ottusità di un paese bigotto ed una politica incapace.

Cielo e Terra

Trovo bizzarro che una istituzione come la Chiesa Cattolica Apostolica Romana, da oltre duemila anni impegnata nel convincere e veicolare le genti con ogni mezzo verso l’idea che tutto sia situato nell’Aldilà, nei fatti se ne stia con i piedi tanto saldamente piantati nell’Aldiqua.

Sono circondato da preti che ripetono incessantemente che il loro regno non è di questo mondo, e intanto mettono le mani su tutto quello che possono afferrare” (Napoleone Bonaparte)

Io, povero stolto che sono, mi domando come mai, se nella visione religiosa ogni cosa è spiritualità e immaterialità, la Chiesa Cattolica Apostolica Romana provi così intenso il desiderio di materializzare e solidificare ogni presunto passaggio del divino.

Benedetto XVI, vestito di stracci, benedice le genti.

Benedetto XVI, vestito di stracci, benedice le genti.

Penso, per esempio, alla ben nota Porziuncola di San Francesco d’Assisi. Una misera chiesetta in rovina, che il frate incontrò durante le sue peregrinazioni, preso dai mistici turbamenti. Egli la riparò con le sue nude mani e lì, in quel luogo umile e spoglio, apprese il significato dei Vangeli. Oggi questo simbolo della santità di Francesco si trova all’interno di un colossale mausoleo barocco, assai fastoso e raggelante. Avvolto in un mastodontico sarcofago che poco ha di spirituale e nulla di umile.

Quale la ragione di tutta questa tensione verso la generazione di sovrastrutture che ingabbino il pensiero e quale il motivo per l’imbarazzante proliferazione di santi e beati? Si vuole forse offrire il maggior numero possibile di appigli ai devoti perchè essi possano rimanere aggrappati ad una speranza vuota, abbarbicati ad una manifesta assurdità, avvinghiandosi a mille e mille nuovi idoli blasfemi? Si intende convogliare le menti dei fedeli all’interno di ricche prigioni decorate, affinchè non possano e non vogliano scorgere quanto si celi oltre le spesse mure della dottrina e del dogma?

Quando il sacerdote indica la Luna, lo stolto non guarda altrove.