Ministra massaia…

Annunci

Posto fesso…

Cari precari, ascoltate le sagge parole del santo padre…

Cercate dio, che è sommo imprenditore…

Nell’aldilà assume sempre ed a tempo indeterminato…

Un chiarimento dal Ministro

debito-solido

Early warning

Chi cerca trova…

Passivity Rule

Alitalia: la (s)cordata

Rieccoci, dopo un periodo di quasi totale assenza dalla scena, con “quer fattaccio brutto de l’Alitaja”…tutti lì che si aspettano la mitologica cordata di prodi imprenditori senza macchia e senza paura, fieri paladini dell’amor di patria…Silvio, che siede sul sommo scranno del Primo Ministro Italico, l’aveva promessa…data per certa…sicura. A sentirlo, era già lì pronta, timidamente nascosta nell’ombra, ma pronta a balzare fuori non appena Sua Maestà glielo avesse chiesto.

Cosa ci tocca invece sentire oggi dalla voce arrotata e un filo stridula del fido Ministro Tremonti? Che Alitalia ha chiesto aiuto a Banca Intesa, nominandola advisor con il compito di sondare il mercato alla ricerca di qualche possibile acquirente.

Qualcosa qui non torna…o forse tutto semplicemente sta divenendo sempre più chiaro, specialmente a quanti avevano preso per oro colato gli squallidi proclami elettorali del pataccaro da Arcore.

Ebbene sì, ve lo voglio proprio ribadire con solennità e con parole chiare, perché non si dica poi che il velo del dubbio ha avvolto il mio eloquio: la cordata non c’è, ma non perché sia svanita o si sia sciolta…semplicemente perché non c’è mai stata…si trattava della prima sonora presa per il culo, all’alba della nuova grande era berlusconiana, da chi in questo momento fa il mestiere di Presidente del Consiglio.

La realtà narra di una miserabile compagnia di bandiera che campa con l’ennesimo finanziamento pubblico (non ancora avvallato dall’Europa)…sbandata e sempre più in passivo…senza uno straccio di compratore che si voglia accollare il carrozzone, che via via perde sempre più appeal divenendo ogni giorno meno appetibile. L’unico serio acquirente, dopo essere stato costretto per mesi ad un ignobile balletto (si trattava di un minuetto barocco tanto di moda fra la gente che conta), si è defilato sbattendo la porta, non potendo tollerare lo schiaffo propagandistico del nano incosciente.

Egli, mascalzone e bricconcello, ghigna soddisfatto per averci combinato un altro bel guaio, ulteriore perla nella sterminata serie di danni a carico dei contribuenti, regalandoci un pochino di povertà in più e meno investimenti per ossigenare il sistema paese in crisi acuta d’asma.